15 Mag 2020
Le 10 Fake News più assurde sul Coronavirus-MyItaca

Le 10 Fake News più assurde sul Coronavirus

“Infodemia” da Covid-19

Se c’è qualcosa di pericoloso tanto quanto il Coronavirus ed altrettanto contagioso, sono le bufale che lo riguardano.

Durante il periodo di lockdown ed otre molte fonti non attendibili hanno dato sfogo alla loro fantasia pubblicando sui Social Network una miriade di Fake News sul Coronavirus, in primis riguardanti il modo con cui contrastare e prevenire il virus.

Dall’ozono supereroe che sterilizzerebbe l’aria e gli ambienti e non farebbe infettare, ai nemici carboidrati pane e pasta che invece aumenterebbero il rischio di contrarre l’infezione, fino al vaccino antinfluenzale che faciliterebbe il contagio.

Queste e altre Bufale hanno iniziato a circolare in modo massiccio sui social network e sul web vedendo migliaia di condivisioni degli ignari cittadini a tal punto che alcune emittenti televisive hanno deciso di creare una campagna di spot per sensibilizzarli proprio su questa tematica, ma non solo. Infatti in alcune regioni è stato istituito un Osservatorio dedicato alla caccia alle Fake riguardanti il mondo dell’informazione sull’epidemia da Coronavirus.

Le Fake News sul nuovo Coronavirus non solo fanno dilagare la disinformazione e, vedendo il contenuto di alcune Bufale, anche condotte pericolose per la propria salute ma, secondo un’indagine di Swg, per il 92% del campione preso in esame dalla ricerca, le notizie false hanno aumentato la diffusione del panico.

Infodemia da Covid-19-Consorzio Itaca

Il Ministero della Salute, sempre molto attivo in questo periodo di emergenza, ha voluto dare un contributo alla lotta contro la disinformazione stilando una lista delle Fake News sul Coronavirus più frequenti circolate in rete.

Qui la lista completa delle Fake News rintracciate dal Ministero della Salute con spiegazione annessa.

La lista è molto lunga e sempre in continuo aggiornamento. Noi vogliamo riportare qui le 10 FAKE NEWS PIÙ ASSURDE SUL CORONAVIRUS.

  1. “Fare gargarismi con la candeggina, assumere acido acetico o steroidi, utilizzare oli essenziali e acqua salata protegge dall’infezione da nuovo Coronavirus.”

“Assolutamente FALSO, anzi, alcune di queste pratiche sono pericolose per la salute!”

 

  1. “Respirare aria calda dall’asciugacapelli elimina il virus dalla gola perché con il caldo muore.”

FALSO. Respirare aria calda dall’asciugacapelli non mette al riparo dal contrarre l’infezione. L’aria dell’asciugacapelli non può raggiungere le elevate temperature a cui il virus muore. Si otterrebbe solamente un’irritazione delle mucose e si rischierebbero ustioni!”

 

  1. “Applicare la vaselina intorno alle narici, intrappola il virus così non entra nel naso.”

Ovviamente FALSO anche questo. “Non ci sono evidenze che il virus resti intrappolato dalla vaselina. Per evitare il contagio è necessario rispettare le distanze di sicurezza e non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani non lavate o disinfettate”, specifica il Ministero della Salute.

 

  1. “Per sapere se si è contagiati dal nuovo Coronavirus basta pungersi un dito e guardare il colore del sangue: se anziché rosso vivo è scuro il contagio è avvenuto.”

FALSO! Nessuna evidenza scientifica ha correlato il colore del sangue all’infezione da nuovo Coronavirus.”

 

  1. “Il virus è sensibile all’alcol, quindi se bevo alcolici non mi ammalo di Covid-19.”

FALSO. Il consumo frequente di alcol o superalcolici non protegge dall’infezione da nuovo Coronavirus. Gli alcolici sono nocivi per la salute e generano dipendenza. Il loro consumo non solo non protegge dal virus ma espone al rischio di sviluppare malattie serie, tra cui tumori. Per prevenire il contagio bisogna restare a casa, rispettare le misure di distanziamento sociale (almeno 1 metro di distanza dalle altre persone) e lavarsi frequentemente le mani con acqua e sapone o soluzione a base di alcol per almeno 40- 60 secondi.”

 

  1. “Il Coronavirus colpisce l’apparato respiratorio quindi se sono in grado di trattenere il respiro per almeno 10 secondi senza tossire vuol dire che sono sano.”

FALSO. I sintomi di Covid-19 generalmente sono lievi e in questo caso non impediscono lo svolgimento di attività moderate. Inoltre il modo migliore e scientificamente dimostrato per confermare se si ha il Covid-19 è con un test di laboratorio e non mediante prove di apnea o con esercizi di respirazione.”

 

  1. “Il clima caldo uccide il virus. Basta mettersi al sole pieno per prevenire l’infezione.”

FALSO anche stavolta, “Non esistono evidenze scientifiche che esporsi al sole, o vivere in Paesi a clima caldo, prevenga l’infezione da nuovo coronavirus. Casi di Covid-19 sono stati registrati anche in Paesi con clima caldo.”

 

  1. “Le zampe dei cani possono essere veicolo di coronavirus e vanno sterilizzate con la candeggina.”

FALSO e pericoloso per i nostri amici a 4 zampe. “Non ci sono attualmente evidenze che i cani e gli animali d’affezione in generale possano trasmettere il coronavirus. La candeggina non va assolutamente usata per disinfettare le zampe dei cani al rientro da una passeggiata, nemmeno se molto diluita in acqua. Quando si rientra in casa è opportuno provvedere alla sua igiene pulendo prima le zampe con prodotti senza aggiunta di profumo (es. acqua e sapone neutro) e poi asciugandole bene. Non vanno usati prodotti aggressivi né quelli a base alcolica perché possono indurre fenomeni irritativi, causando prurito. Il mantello va, invece, spazzolato e poi passato con un panno umido.”

 

  1. “C’è correlazione tra epidemia da nuovo coronavirus e rete 5G.”

FALSO. Non ci sono evidenze scientifiche che indichino una correlazione tra epidemia da nuovo coronavirus e rete 5G. Ad oggi, e dopo molte ricerche effettuate, nessun effetto negativo sulla salute è stato collegato in modo causale all’esposizione alle tecnologie wireless.”

  1. “Il nuovo Coronavirus si cura con acqua e bicarbonato.”

FALSO. Non ci sono attualmente evidenze che il bicarbonato disciolto in acqua abbia una azione curativa, né protettiva, nei confronti della malattia da nuovo coronavirus.” Non è la prima volta che il bicarbonato è protagonista di Fake News che, come in questo caso, gli attribuiscono doti curative miracolose.

 

Non ci stancheremo mai di ripeterlo, la disinformazione è pericolosa per la salute nostra e degli altri! Per evitare di imbattersi in notizie false si raccomanda quindi di fare sempre riferimento a fonti istituzionali ufficiali e certificate.

 

Tu hai mai visto circolare in rete una di queste bufale? Oppure ne hai incontrate altre altrettanto assurde?Raccontacelo nei commenti!

 

Fonte:

Ministero della Salute

Leave a Comment