23 Mar 2016

ILARIA BARBOTTI FOUNDER INSTAGRAMERS ITALIA: QUATTRO CHIACCHIERE INSIEME

Buongiorno Ilaria, parlaci un po di te….
Come è nato il tuo amore per instagram?

Ho scoperto Instagram nel 2011 ai suoi esordi in Italia e mi sono veramente innamorata di questo social fotografico, amo la fotografia quindi è stato un colposi fulmine. Fotografia e viaggio, ho scoperto luoghi e fotografi bravissimi, per questo ho deciso di scegliere questa piattaforma per creare una community.

Ilaria, instagram ieri ed instagram oggi. Cosa è cambiato?

Tutto. Le foto, l’interazione, gli utenti, le modalità di uso dell’app. Sicuramente è cresciuta molto e  questo ha portato cose positive e cose negative. All’inizio c’era molta più spontaneità, più fotografia vera, meno utenti, oggi ci sono 400 milioni di persone che usano Instagram, molte senza avere un progetto e poi è diventato una piattaforma di content marketing che fa guadagnare influencer con aziende che ci investono soldi. Questo fatto ha fatto sì che molte dinamiche prima istintive e spontanee ora non lo siano più.

Quali solo le principali novità al momento?

Fondamentalmente la pubblicità e il nuovo algoritmo.

Due fattori molto importanti e che segneranno ahimè il cambio definitivo di questa app voluto da Facebook proprietaria del social fotografico.

Pubblicità: da Ottobre 2015 anche in Italia sin può fare ADV su Instagram investendo soldi in campagne pubblicitarie esattamente come si fa su FB da sempre. Non sono contraria all’ad ma credo che debba esserci un maggiore controllo dei contenuti pubblicitari a livello qualitativo (immagine creativa e non immagine pubblicitaria) e quantitativo (meno ads contemporanee e meglio distribuite nel tempo e tra gli utenti).

Algoritmo: il nuovo ennesimo algoritmo annunciato in questi giorni diventerà presto una realtà e non prospetto nulla di positivo per Instagram, già da qualche mese alcuni profili sono più visibili e altri meno in base ad un algoritmo ancor poco definito  che decide per noi chi vedere e chi no nel nostro feed Instagram, una sorta di FB, qualcosa che se accade non sarà ben visto dalla maggior parte dell’utenza.

Instagram Vs facebook: noi imprese dovremmo preferire instagram a facebook? se si, perchè?

Instagram è proprietà FB quindi consiglio di usarli entrambi e insieme. Instagram sfrutta il visual e i suoi 400 ml di utenti che è possibile raggiungere con una bella foto, un testo accattivante e i tag giusti. Una grande opportunità per le aziende soprattutto per quelle medio-piccole che con un impegno quotidiano e costante possono raggiungere buoni risultati in termini di awareness ma anche di potenziali clienti e nuovi contatti da raggiungere.
Instagram ed improvvisazione. Sono due parole amiche o nemiche?

Per me no, spesso un contenuto condiviso live e “spontaneo” può avere molto successo. Attenzione però a non improvvisarsi fotografi o social media manager, l’errore e la cattiva gestione del canale possono essere nocivi per l’azienda.

Le aziende ed il visual marketing: quali sono i vantaggi per le aziende di fare una campagna su instagram?

Li ho brevemente enunciati prima, ricapitolando:

  • avvicinarsi ai potenziali clienti
  • ringraziare e coccolare gli attuali clienti
  • comunicare per immagini emozionando le persone
  • raggiungere 400 mln di utenti
  • conoscere e crescere utenza giovane (18-35 anni) che sono i futuri clienti

ilaria b   mGnq-ZLh0VEwdAhkQJ0OGag

Leave a Comment